Documenti Speciali
13.10.10 Vertenza Forestali PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Mercoledì 13 Ottobre 2010 11:37

In considerazione di quanto emerso nella riunione del 5 ottobre u.s. tra le Segreterie Regionali di FAI, FLAI e UILA con il Presidente della Regione (on. Raffaele Lombardo), l'Assessore alle Risorse Agricole (dott. Elio D'Antrassi), l'Assessore al Territorio e Ambiente (dott. G.M. Sparma), il capo dell' ADFRS ( ing. Giglione) e del Dipartimento Foreste (arch. Tolomeo), il Segretario Generale della FAI CISL Sicilia, Fabrizio Colonna, denuncia pubblicamente, portandolo a conoscenza dei Lavoratori,  il mancato rispetto, da parte del Governo Regionale, dell' Accordo sulla forestazione (clicca per docum.), sottoscritto dal Presidente Lombardo  con FAI, FLAI e UILA, il 14.05.09.

Questo storico e importante Accordo riusciva finalmente, dopo oltre un decennio di guerre tra Lavoratori (sfociate in vere e proprie risse), ricorsi legali ed iniziative piu o meno lecite improvvisate autonomamente da gruppi di lavoratori in..zzati, a dare un periodo di relativa serenità alla Categoria. Serenità motivata da quel barlume di speranza che i Lavoratori intravvedevano anche nel nuovo meccanismo virtuoso innescato con questo Accordo che consentiva un passo in avanti per tutti i Lavoratori della Categoria entro i due anni previsti.

L'Accordo veniva firmato dal Presidente Lombardo alla vigilia del varo del suo 2° Governo e, soprattutto alla vigilia delle elezioni europee ove erano candidati l' uscente Assessore all'Agricoltura (G. La Via, poi eletto) e il subentrante ( M. Cimino). E' facile capire che in quel periodo la politica trovava facili soluzioni agli annosi e gravi problemi dei Lavoratori siciliani, salvo poi rinviare continuamente le reali decisioni concrete. 

Dopo l'afosissima estate 2009, si registrava la percentuale più bassa di incendi all'interno del Demanio Forestale, grazie soprattutto all'impegno e allo spirito di sacrificio degli Operai Forestali siciliani ( gravi incidenti, con gravi infortuni e morti tra gli Addetti, funestano, ogni anno la campagna antincendio).  Il 29 settembre 2009 veniva quindi imposto, con la motivazione della crisi e delle ristrettezze economiche, ai Lavoratori e ai loro Rappresentanti un Accordo di rivisitazione (clicca) di quello del 14.05.09, con il quale si riducevano le giornate precedentemente pattuite.

Nel 2010 si riparte con la speranza di traguardare, finalmente, l'obiettivo della integrale applicazione dell'Accordo, sia per quanto riguarda l'aspetto delle giornate lavorative ma soprattutto riguardo alla nuova impostazione che faceva della programmazione il vero punto di partenza per creare certezze occupazionali e salvaguardia del territorio dai dissesti idrogeologici. Nel frattempo il Governo Lombardo è alla sua terza formazione ed i nuovi Assessori Bufardeci (Agricoltura) e Di Mauro (Territorio e Ambiente), durante i Lavori dell' approvazione della Legge di Bilancio e Finanziaria, promettono pubblicamente (clicca per stampa e lavori parlamentari ) la integrale applicazione dell' Accordo del 14.05.09 anche con l' approvazione di un ODG (clicca)  all' interno dei Lavori d'Aula.

Gli incontri conseguenti a queste risultanze danno, invece, un quadro deludente: nel mese di Maggio, l'Assessore Bufardeci comunica alle OOSS di poter garantire i Lavoratori solo per 90-130-165 giornate lavorative, mentre l'Assessore Di Mauro (alla presenza di tanti Lavoratori autoconvocatosi con FAI FLAI e UILA al suo Assessorato) rassicura gli Addetti dell' Antincendio sulle 151 giornate da subito e impartisce al Direttore Tolomeo le Disposizioni per predisporre le relative perizie.

Oggi, tutto ciò sembra essere una furbesca operazione politico elettorale per acquisire, nell'immediato, consensi elettorali ed una astuto inganno per poter ripetere, con l'impegno e sulle spalle dei Lavoratori del Settore Forestale (che, come sempre, egregiamente svolgono i loro compiti anche di protezione civile, come a Giampilieri e ad Altolia (foto) ove sono stati i primi a prestare soccorso alle popolazioni colpite dall'alluvione), i risultati positivi (sbandierati sulla stampa dai politici e dai governanti con autoattribuzione di meriti) in termini di lotta attiva agli incendi boschivi e di riforestazione.

Il ragionamento sin quì portato avanti mira a far riflettere i Lavoratori Forestali siciliani e tutta l'opinione pubblica sui meriti o sulle colpe dei protagonisti quì sopra citati per le opportune considerazioni che ogni singolo nella propria libertà ed autonomia di scelta potrà e vorrà fare.

La FAI CISL Sicilia chiede  con fermezza che il Presidente Lombardo ed i nuovi Assessori facciano finalmente le scelte giuste e diano risposte serie e reali ai 27.000 Lavoratori Forestali, alle loro Famiglie ed a tutta la  gente che vive e vuol continuare a vivere, in modo dignitoso, civile e in sicurezza, in questa nostra terra di Sicilia.

 

Ordine del giorno 11.10.10

 
Gli Angeli della Forestale PDF Stampa E-mail
Scritto da faimessina   
Lunedì 12 Ottobre 2009 17:27

Gli Operai del Servizio Antincendi della Forestale di Messina primi ad arrivare sui territori colpiti dall'alluvione del 1 ottobre 2009 (articoli di stampa - clicca qui).

Foto.1

Foto 2

Foto 3

Foto 4

Foto 5

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 Succ. > Fine >>

Pagina 4 di 4
Convenz. CISL-Unipol

La CISL, in collaborazione con Unipol, offre la possibilità ai suoi iscritti in caso di infortuni (sul lavoro e non) di usufruire gratuitamente di una diaria giornaliera e di altre garanzie meglio dettagliate nel documento allegato.

Convenzione.

Iscrizione al sito

 Scarica modulo password (da inoltrare sempre tramite le Sedi Comunali CISL e/o le Segreterie Provinciali FAI CISL).